AVALON TRIBE ON FB

 

CURRENT MOON


CURRENT MOON

 

I PILASTRI DELLA TRADIZIONE AVALONIANA

 

Siam Fate di Lago...

 

Le Stazioni del Ciclo



Leggendo...

IL CONFRONTO

E' il tempo del Confronto, il momento di affrontare le scelte del nostro Cammino...

 

Menu Categorie

 

Cerca


 

Ynis Afallach Tuath

Ginevra, grande Regina
Domenica, 10 Agosto 2008 - 17:33 - 13356 Letture
Dame del Lago -GINEVRA, LA GRANDE REGINA-
di Caillean

Ginevra, la Grande Regina, compagna di Artù, amante del valoroso Lancillotto, simbolo dell’amor cortese, una delle figure più celebri, più discusse e probabilmente più mistificate di tutta la saga arturiana. La repressione medioevale e secoli di patriarcato ce l’hanno presentata come una donna frivola,

a tratti crudele, un essere fragile, inconsistente, privo di moralità, una regina cristiana e penitente, ed allo stesso tempo adultera, la rovina del Grande Re, sedotto e poi beffeggiato a causa sua. Come per tutti i personaggi del mito e della storia, maggiori sono i dibattiti e le mistificazioni, maggiore probabilmente fu la loro importanza presso i popoli di origine.
In effetti, già il nome di Ginevra (nota anche come Gwenhwyfar o Wenore) ci da un indizio sull’origine del suo mito: la parola proto-celtica gwena è assimilabile al greco gyne e significa sia “donna” sia “regina”. Wenore sembra invece derivare dalla parola inglese “bello”. Infine Gwenhwyfar è un termine celtico traducibile come “bianca ombra” o “bianco fantasma”. I suoi appellativi ci dicono dunque che Ginevra è la Donna per antonomasia, bellissima, femminile, quasi una Venere britannica. E’ regina, di nobili origini ma anche e soprattutto nell’animo. Ed è donna dell’Altromondo, una regina delle fate, essendo il bianco per eccellenza uno dei colori dei fairies. Con tutta probabilità il suo mito trae dunque origine da una antica divinità proto-celtica. Per capire quale, basta analizzare un poco il suo mito. Ginevra fu Grande Regina, la compagna di Artù, e dunque, secondo le usanze delle società matrilineari che precedettero l’avvento dei popoli celtici nelle isole britanniche, colei che dona la sovranità al re, espressione e manifestazione della Sovranità stessa, la dea della terra, Britannia. Ginevra “tradisce” poi Artù con il suo Campione, il più valoro dei cavalieri della Tavola Rotonda, Lancillotto. Rileggendo il mito secondo le antiche usanze, in realtà scopriamo che Ginevra, in quanto Sovranità, sceglie il suo compagno in base alla sua capacità di servire e difendere la Terra: Artù si era lasciato corrompere dalla vita di corte e non era più il valoroso Gran Re, dunque la regina ha scelto per sé un nuovo rappresentante maschile. Se analizziamo ancora più a fondo questo racconto, possiamo notare come esso si inscriva in una antichissima tradizione, attestata da usanze che ancor a oggi sono presenti in Gran Bretagna, secondo la quale una donna bellissima, rappresentante la Dea della Terra, si trova ad essere contesa fra due uomini che combattono per il suo amore, in una sorta di rappresentazione del ciclo stagionale: il Re d’Inverno lotta contro il Re d’Estate. Il re d’inverno è in genere un personaggio più anziano, che ha avuto grandi meriti nel passato e con il quale la regina ha un rapporto di lunga data. Il re d’estate è invece un giovane valoroso, che proviene in genere da terre lontane o ha origini fatate. Il loro eterno combattimento regola il succedersi del ciclo annuale delle stagioni.
Nei miti più antichi, vediamo Ginevra contesa, prima che da Lancillotto, da Melwas, o Meleagrante, un giovane e nobile principe che risiedeva proprio nel Glastonbury Tor, una porta dell’Altromondo. Successivamente Ginevra verrà reclamata anche da Mordred, nipote di Artù, e dunque suo ovvio successore in una società di tipo matrilineare. Tutti questi racconti ci portano a considerare Ginevra come una chiara manifestazione della Dea della Terra, colei che mantiene in equilibrio il ciclo stagionale, il predatore e la preda, e tutto ciò che vive e respira su questo mondo.
Il suo mito è poi fortemente evocativo di un’ altra antica divinità: Blodeuwedd, Viso di Fiori, la Sposa di Maggio, la regina delle fate evocata magicamente dal mago Gwidyon e data in sposa a Llew. Blodeuwedd tradirà Llew con Grnow, affermando cosi la propria libertà di scelta e svolgendo nei confronti di Llew la funzione di Iniziatrice ai misteri di morte e rinascita. Ginevra è anch’essa una Vergine di Maggio, infatti non darà mai figli ad Artù, o almeno cosi è tramandato nelle storie più numerose giunte fino a noi anche se la sua verginità non è probabilmente un attributo fisico , forse ebbe infatti anche dei figli, ma piuttosto una qualità interiore, manifestazione del suo ruolo di Iniziatrice, di donna che afferma la propria sacralità, il proprio diritto di scelta in quanto donna e figlia della Dea. E questa è la lezione che Ginevra ci porta. Il coraggio di scegliere liberamente il nostro destino, la possibilità di fare ciò che sentiamo essere giusto, di dare e ricevere amore senza i limiti e le imposizioni di una falsa e bigotta moralità. Nei tempi antichi la donna non apparteneva all’uomo, e poteva scegliere a chi concedersi senza venire giudicata. Nei templi vi erano sacerdotesse che si donavano agli uomini in qualità di rappresentanti della sacralità dell’amore della Dea. L’unione sessuale di uomo e donna veniva considerata un atto sacro, manifestazione terrena del mistero divino della risoluzione delle molteplici polarità nell’Uno.
Nella società odierna, Ginevra ci insegna a portare ad espressione la nostra bellezza interiore, a non temere di mostrarci per quelle che siamo, figlie della Dea e sue rappresentanti sulla terra. Come Blodeuwedd, ci sprona alla realizzazione del nostro Sé divino. Nello splendore di maggio e di Beltane, ci rammenta le nostre immense potenzialità interiori, da coltivare con amore e con costanza come fragili e meravigliosi fiori.

FONTI: -Ladies of the lake- Caitlin and John Matthews
-il gruppo di studio dell’Ynis Afallach Tuath
Ginevra, grande Regina | Login/crea un profilo | 0 Commenti
I commenti sono di proprietà dei legittimi autori, che ne sono anche responsabili.






Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato
sotto una Licenza Creative Commons.

© Ynis Afallach Tuath, 2014/2015
Sito internet con aggiornamenti aperiodici, non rientrante nella categoria Prodotto Editoriale.
Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso degli autori e senza citare la fonte.
Tutti i lavori pubblicati sono protetti dalla legge n. 633 e s.m.i. in tutela dei diritti d'autore.
Tutti i loghi e marchi in questo sito sono di proprietà dei rispettivi proprietari. I commenti sono di proprietà dei rispettivi autori.
Questo sito è stato creato con MaxDev, un sistema di gestione di portali scritto in PHP.
MD-Pro è un software libero rilasciato sotto la licenza GNU/GPL Visualizzate le nostre news usando il file backend.php
Il tema grafico è stato creato da Isobel Argante. Webmaster Nemea del Lago.

Powered by MD-Pro