AVALON TRIBE ON FB

 

CURRENT MOON


CURRENT MOON

 

I PILASTRI DELLA TRADIZIONE AVALONIANA

 

Siam Fate di Lago...

 

Le Stazioni del Ciclo



Leggendo...

IL CONFRONTO

E' il tempo del Confronto, il momento di affrontare le scelte del nostro Cammino...

 

Menu Categorie

 

Cerca


 

Ynis Afallach Tuath

ATTIVITA' : LE FIGLIE DEL GRANO
Martedì, 11 Agosto 2009 - 19:22 - 3289 Letture
Ciclo dell'Anno Ormai è giunto il periodo di Lughnasadh.

Anche se il sole è ancora caldo e gli alberi rigogliosi, nell'aria si avverte il cambiamento delle energie, l'inizio di un nuovo periodo.



Si avvicinano l'autunno e l'inverno, e infatti, osservando attentamente gli alberi, si possono notare le prime foglie gialle. Le giornate si accorciano sempre di più e la terra dona i suoi frutti, che noi, finalmente, raccogliamo. E' un momento di ringraziamento: non solo per il raccolto fisico/materiale, ma anche per il nostro personale raccolto spirituale. Lughnasadh è infatti il momento di raccogliere i frutti del nostro cambiamento ed è il culmine della stazione della Risoluzione.

Le "Figlie del Grano", sono un simbolo legato a questo Portale. Si possono preparare come attività per festeggiare questo periodo dell'anno e poi posizionarle sull'altare, in giro per casa come decorazione, appese alla porta della nostra stanza o all'ingresso di un luogo che vogliamo proteggere, dove preferite insomma, e conservarle per tutto l'anno. Nell'antichità venivano poste nei campi di grano a protezione delle messi.

Queste bambole rappresentano la Terra pronta per il raccolto, la Dea Madre. Essendo un simbolo legato al raccolto e all'autunno, possono venir tenute sull'altare come decorazione anche per l'equinozio d'autunno e la festività di Samhain.

Le "Figlie del Grano" rappresentano anche la rinascita, poiché nascono dal raccolto che abbiamo ottenuto, e diventano il simbolo della prosperità che permetterà alla terra di dare nuovi frutti durante il ciclo successivo.

Possono infine rappresentare anche le Antenate.

Vi riporto un metodo per confezionarle.

Occorrente:

- 34 spighe di grano alte almeno 30 cm l'una
- una ventina di cm di fil di ferro
- un nastro rosso
- forbici

Pareggiate le spighe tagliando le estremità inferiori e quelle superiori (le spighe che contengono il grano) fatene un fascio abbastanza regolare.
Mettetele a bagno per almeno 5 minuti in acqua calda (non bollente) per fare in modo che si ammorbidiscano e possano essere più facilmente lavorate. Mettetene da parte 5. Adesso attorcigliate il fil di ferro ad un'altezza di 15 cm circa sul fascio più grande e, delicatamente, piegate a raggiera dieci anche dodici delle spighe sul fil di ferro, in modo che formino un "gonnellino".
Prendete le 5 spighe messe da parte e disponetele a metà del corpo, tre da una parte e due dall'altra, in modo da formare le braccia , le gambe (la parte inferiore della gonna preparata in precedenza) e la testa(ovviamente il centro della spiga corrisponde col corpo) e legatele con il nastrino.

Ecco una foto di come dovrebbe apparire la bambola una volta terminata:




Note: Articolo redatto da Morgana
LE FIGLIE DEL GRANO | Login/crea un profilo | 0 Commenti
I commenti sono di proprietà dei legittimi autori, che ne sono anche responsabili.






Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato
sotto una Licenza Creative Commons.

© Ynis Afallach Tuath, 2014/2015
Sito internet con aggiornamenti aperiodici, non rientrante nella categoria Prodotto Editoriale.
Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso degli autori e senza citare la fonte.
Tutti i lavori pubblicati sono protetti dalla legge n. 633 e s.m.i. in tutela dei diritti d'autore.
Tutti i loghi e marchi in questo sito sono di proprietà dei rispettivi proprietari. I commenti sono di proprietà dei rispettivi autori.
Questo sito è stato creato con MaxDev, un sistema di gestione di portali scritto in PHP.
MD-Pro è un software libero rilasciato sotto la licenza GNU/GPL Visualizzate le nostre news usando il file backend.php
Il tema grafico è stato creato da Isobel Argante. Webmaster Nemea del Lago.

Powered by MD-Pro