AVALON TRIBE ON FB

 

CURRENT MOON


CURRENT MOON

 

I PILASTRI DELLA TRADIZIONE AVALONIANA

 

Siam Fate di Lago...

 

Le Stazioni del Ciclo



Leggendo...

IL CONFRONTO

E' il tempo del Confronto, il momento di affrontare le scelte del nostro Cammino...

 

Menu Categorie

 

Cerca


 

Ynis Afallach Tuath

LA BANDIERA FATATA
Venerdì, 22 Febbraio 2008 - 13:52 - 2533 Letture
Sidhe Vi piacerebbe vedere una vera bandiera fatata?
Allora andate all'Isola di Skye,
dove il vecchio castello di Dunvegan è bagnato su tre lati da un mare freddo e grigio.

Per centinaia di anni questo castello
è stato la dimora dei capitani del Clan dei MacLeod.
Il Clan possiede parecchi tesori,
ma l'oggetto che tiene in maggior conto
è una striscia di seta color giallo pallido.
È delicata come le ali di una farfalla
ed è segnata qua e là da certe macchioline rosse come solo gl'elfi sanno fare.
La bandiera fatata appartiene al Clan dei MacLeod
dalla lontana notte in cui nacque un piccolo capitano del Clan.

Quella notte tutta l'isola era pervasa dalla più grande gioia
e sulle colline vennero accesi tanti falò
che la gente delle isole vicine pensò che Skye si fosse incendiata!
Dentro il castello, i membri del Clan si riunirono
per festeggiare con cene e balli la nascita del bambino.
Il suono delle cornamuse era così forte
che saliva perfino lungo una scala a chiocciola e su,
in cima a un'alta torretta dove c'era una piccola stanza.
Qui Morag, la vecchia bambinaia, sedeva presso una culla di legno
e la dondolava avanti e indietro per cercare di acquietare il neonato.

«Come può dormire il piccolino con questo frastuono!» brontolò.
A un tratto scivolò nella stanza la sua giovane nipote Janet.
«Oh, zietta» bisbigliò, «è così eccitante! Devi andare giù a dare un'occhiata.»
Morag la guardò indignata. «Cosa?! Lasciare l'erede dei MacLeod solo e senza protezione?»
Ma Janet ribattè: «II bambino non rimarra' solo.
Mi siederò qui e lo curero' io mentre tu non ci sei.»

La vecchia Morag esitava. «Bene» disse infine,
«probabilmente non vivrò tanto da vedere un'altra notte come questa.
Ma chiamami se il Bambino si sveglia.
Chiamami immediatamente.»
Janet si sedette e prese a dondolare la culla con garbo
battendo un piede al ritmo della musica,
ma non si accorse che lo scialle col quale Morag aveva accuratamente coperto la culla
era scivolato sul pavimento di pietra.
Sentendo freddo, il piccolo cominciò a piangere e Janet non riusciva a calmarlo.
Proprio in quel momento una fata e una sua amica,
che stavano passando in fretta davanti al castello,
udirono il pianto e si fermarono.

«Hai sentito?» chiese la fata tutta arrabbiata.
«Il piccolo erede dei Macleod sta piangendo
e non c'è nessuno che si curi di lui!»
Gettò un'occhiata alla torretta
e i suoi occhi penetranti scorsero subito la finestrella illuminata.

«Senti, credo di riuscire a infilarmi là dentro. Tu aspettami sul davanzale.»

Le due fate volarono alla fìnestra
e capirono subito perché il bambino piangeva,
vedendo che lo scialle non era sulla culla, ma per terra.
«Povero piccino!» esclamò la fata. «Col vento freddo che soffia dal lago!
Ma io ho proprio quel che ci vuole per scaldarti.»

Sgusciò nella stanza e si avvicinò alla culla:
srotolò da intorno alla cintura una striscia di seta gialla
e preso delicatamente in braccio il bambino, ve lo avvolse.

«Ma quella è la nostra bandiera fatata!» esclamò l'amica dal davanzale.
«E con questo? Noi possiamo sempre tesserne un'altra.
Zitta ora mentre gli canto la ninna-nanna.»

E facendo dondolare piano piano la culla col piede, cantò:

«La tua vita sarà sicura:
la salvezza è tra queste mura
finchè sventola ildrappo fatato
che le fate ti han regalato.
Ora dormi bel bambino,
fai la nanna piccolino.»

Proprio mentre l'ultima nota svaniva nell'aria,
la vecchia Morag rientrò nella stanza.
«Povera me!» ansimò. «Chi... siete?»
Poi vide con terrore il cappello a punta della fata,
le scarpette violette come l'erica
e la striscia di seta gialla che avvolgeva il bimbo addormentato.
Avanzò di un passo per strapparla via... ma la fata la fermò.

«No, Morag! La bandiera non gli farà del male.
È più calda della più spessa coperta e inoltre lo proteggerà da ogni pericolo.»
Morag ascoltò senza fiato la fata che le descriveva i magici poteri della bandiera.
«Salverà l'erede dei MacLeod nel momento di maggior pericolo,
ma attenzione!, dovrà essere usata con parsimonia.
Questa bandiera potrà sventolare solo tre volte, poi le fate la reclameranno.»
La fata si mosse silenziosa verso la finestra e ripetè:

Tre volte sole.
Ricordati, Morag,
di riferire ai MacLeod le mie parole.»

Detto questo fece per andarsene,
ma Morag le gridò: «E la ninnananna?...
Non volete insegnarmi la ninna-nanna?»
«Lo farò, Morag», rispose la fata
«e ogni volta che canterai, il bambino si addormenterà subito».
E la fata cantò ancora una volta la ninna-nanna, prima di sparire nella notte.

Per un po’ Morag rimase sbalordita a fissare il punto in cui la fata era scomparsa
ma non vide altro che la e al posto della voce di lei udì solo il suono delle cornamuse.
«Vieni, piccolo, dolce erede» disse infine prendendo teneramente il bimbo in braccio.
«I tuoi orgogliosi genitori e tutti i tuoi parenti
devono vedere ciò che la fata ti ha donato».

Gli uomini del Clan si meravigliarono molto nell'udire la storia di Morag.
Poi il capo del Clan levo’ il suo minuscolo figlio affinchè tutti lo ammirassero,
e giurò solennemente di custodire nel castello
la bandiera fatata come il più grande dei tesori.
E che fosse realmente un gran tesoro,
lo si potè vedere quando la profezia della fata sì avverò.
Molti anni dopo, nel quindicesimo secolo,
il castello di Dunvegan venne assalito da feroci guerrieri che avevano invaso Skye
provenienti dalle isole vicine.
I MacLeod furono decimati e sembrava ormai certo il loro annientamento totale.
All'ultimo momento, il loro giovane e bel capitano si ricordò della leggenda.
«Andate a prendere la bandiera fatata!»
Appena la bandiera sventolò sui bastioni,
una misteriosa schiera di guerrieri si materializzò
nel castello e si getto’ all’assalto.
Brandivano spade enormi e facevano un rumore terrificante.
Gli invasori fuggirono, nel tentativo di salvarsi,
ma nessuno di loro riuscì a scampare.
Alla fine, lasciando i MacLeod vittoriosi sul campo,i guerrieri si dissolsero nell'aria.

Un centinaio di anni dopo, il castello venne assalito di nuovo,
con l'aiuto di una fitta nebbia che si era alzata dal mare.
I MacLeod si difesero coraggiosamente ma erano nuovamente sul punto di soccombere,
quando il capitano decise di ricorrere alla bandiera magica.
Fu allora che la grigia nebbia si trasformò in file e file di guerrieri
che combatterono come demoni fino alla vittoria.
Ma quando il giovane capitano MacLeod volle ringraziarli,
svanirono nella nebbia.

La bandiera era stata issata due volte perciò ancora una volta,
in futuro, avrebbe potuto spiegare il suo magico potere.
Per questo, ancora oggi la bandiera magica viene
conservata come un tesoro nel vècchio castello di Dunvegan,
mentre le fate, nei loro nascondigli segreti la aspettano pazientemente.


Argante
Arc'Hant Afallon Alarch
LA BANDIERA FATATA | Login/crea un profilo | 0 Commenti
I commenti sono di proprietà dei legittimi autori, che ne sono anche responsabili.






Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato
sotto una Licenza Creative Commons.

© Ynis Afallach Tuath, 2014/2015
Sito internet con aggiornamenti aperiodici, non rientrante nella categoria Prodotto Editoriale.
Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso degli autori e senza citare la fonte.
Tutti i lavori pubblicati sono protetti dalla legge n. 633 e s.m.i. in tutela dei diritti d'autore.
Tutti i loghi e marchi in questo sito sono di proprietà dei rispettivi proprietari. I commenti sono di proprietà dei rispettivi autori.
Questo sito è stato creato con MaxDev, un sistema di gestione di portali scritto in PHP.
MD-Pro è un software libero rilasciato sotto la licenza GNU/GPL Visualizzate le nostre news usando il file backend.php
Il tema grafico è stato creato da Isobel Argante. Webmaster Nemea del Lago.

Powered by MD-Pro