AVALON TRIBE ON FB

 

CURRENT MOON


CURRENT MOON

 

I PILASTRI DELLA TRADIZIONE AVALONIANA

 

Siam Fate di Lago...

 

Le Stazioni del Ciclo



Leggendo...

IL CONFRONTO

E' il tempo del Confronto, il momento di affrontare le scelte del nostro Cammino...

 

Menu Categorie

 

Cerca


 

Ynis Afallach Tuath

TWELFTH CAKE: Il dolce della Dodicesima Notte
Martedì, 27 Dicembre 2011 - 14:55 - 3546 Letture
YULETIDE La dodicesima notte, tra il 5 e il 6 gennaio, viene celebrata da tanto tanto tempo… anche se nel medioevo si cristallizzò nella notte che vide arrivare i tre magi da Gesù Bambino. Ma molto molto prima, quando l'uomo era giovane e la terra incantata, questa notte era abitata da una dolce figura femminile: Frau Holle (che significa La Gentile - la Dea Holla), portatrice di fertilità, abbondanza e giustizia.

Il folklore germanico la immaginava percorrere la terra su una slitta trainata da cani nei 12 giorni che seguono il solstizio, distribuendo doni e fortuna... in compagnia di un magnifico corteo. Durante questi dodici giorni le Dee quali Frau Holle, la Berchta e altre affini, vagavano di casa in casa esaminando gli arcolai delle donne (sono tutte dee strettamente collegate all’arte della filatura e ai lavori femminili). Se le donne avevano filato con cura e maestria, se avevano tenuto bene in ordine la casa, sarebbero state premiate (magari con matasse di lino o di lana che non si sarebbero mai esaurite, o con Buona Fortuna); se invece il lavoro fosse risultato sciatto e mal fatto, allora i fili sarebbero stati ingarbugliati e le pigre donne punite. Erano figure legate all'inverno, coloro che facevano nevicare e proteggevano gli animali delle foreste...

Con il tempo la figura pagana di Holle svanì, lasciando la scene alla Befana che tutti conosciamo… e nell'immaginario religioso invece arrivarono i Re Magi. In questo giorno di festa si preparava un dolce chiamato The Twelfth Night Cake. Anticamente era un impasto abbastanza semplice contenente, tra le varie cose, un fagiolo secco e un pisello secco. Chi avesse avuto la fetta di torta con il pisello sarebbe stata Regina per tutta la sera, chi avesse trovato il fagiolo sarebbe stato Re. Il gioco era esteso a tutti gli abitanti della casa, dal proprietario ai servi e il decreto della torta rispettato con onore. La tradizione legata a questo splendido e coreografico dolce risale quindi al medioevo, tempo in cui i festeggiamenti del Natale avevano poco di religioso e molto di goliardico (una sorta di Carnevale che permetteva la rivalsa dei subalterni sui padroni) ma la prima ricetta ufficialmente stampata fu quella che vi propongo, di John Mollard, datata 1803.



Questa spettacolare torta glassata era fondamentale nei festeggiamenti dell'Epifania. Tradizionalmente in epoca vittoriana si dava una grande cena in questo giorno per celebrare la fine dei 12 dodici giorni sacri, iniziati a Natale. Ogni partecipante alla cena interpretava un personaggio particolare per tutta la sera, scelto estraendo da un mazzo di carte speciali la propria carta: c'erano il Re, la Regina, la duchessa di Puddle Dock e moltissimi altri personaggi comici. La cena terminava con il taglio della torta, sempre decorata con due corone di zucchero o marzapane e con altri decori rappresentanti i vari personaggi della cena, così come accadeva nel Medioevo con la versione più semplice contenente il pisello e il fagiolo secchi.



RICETTA DEL 1803: Prendere Kg 3,175 di farina e metterla a fontana sulla spianatoia, aggiungere 1 cucchiaio da cucina abbondante di lievito e un pochino di latte tiepido. Iniziare ad impastare aggiungendo poi 450 gr. di burro a pezzetti, 600 gr di zucchero. Lasciar lievitare e solo dopo un'oretta aggiungere 2 kg di uvetta, 15 gr di cannella in polvere, 10 gr. di chiodi di garofano sempre in polvere, canditi a piacere. Porre l'impasto in una teglia ben imburrata e cuocere (ndr: ormai dovreste aver capito che nelle ricette vittoriane non si usano i tempi di cottura e nemmeno i gradi del forno, io quindi vi consiglio i canonici 180°C. per un po' di tempo, provate con uno stecchino per testare la cottura). Una volta cotta la torta, sfornare, lasciar raffreddare e ricoprire con glassa colorata o bianca e con corone di zucchero (ndr: oggi potreste creare delle coroncine con il marzapane che si compra in pacchetti in qualsiasi supermercato o talvolta la Twelfth cale viene ornata anche con una corona di carta, magari potreste farla intagliare dai vostri bimbi…)
From John Mollard, The Art of Cookery. (London 1803).
Tradizioni assai simili a questa esistono anche in Italia, ad esempio in provincia di cuneo di cucina la Fugassa della befana, che contiene una fava nera e una bianca.

Per altre ricette vi rimando alla sezione Cucinologia, di Yule, mentre se desiderate sapere di più di Frau Holle, vi lascio al mio articolo dello scorso anno presente nella sezione Yuletide (la stessa di questo articolo)

Note: Articolo di Argante

FONTI:
I miei articoli presenti in questo sito
John Mollard, The Art of Cookery (London 1803)

A particular thanks to Ruth Goodman
TWELFTH CAKE: Il dolce della Dodicesima Notte | Login/crea un profilo | 0 Commenti
I commenti sono di proprietà dei legittimi autori, che ne sono anche responsabili.






Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato
sotto una Licenza Creative Commons.

© Ynis Afallach Tuath, 2014/2015
Sito internet con aggiornamenti aperiodici, non rientrante nella categoria Prodotto Editoriale.
Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso degli autori e senza citare la fonte.
Tutti i lavori pubblicati sono protetti dalla legge n. 633 e s.m.i. in tutela dei diritti d'autore.
Tutti i loghi e marchi in questo sito sono di proprietà dei rispettivi proprietari. I commenti sono di proprietà dei rispettivi autori.
Questo sito è stato creato con MaxDev, un sistema di gestione di portali scritto in PHP.
MD-Pro è un software libero rilasciato sotto la licenza GNU/GPL Visualizzate le nostre news usando il file backend.php
Il tema grafico è stato creato da Isobel Argante. Webmaster Nemea del Lago.

Powered by MD-Pro