AVALON TRIBE ON FB

 

CURRENT MOON


CURRENT MOON

 

I PILASTRI DELLA TRADIZIONE AVALONIANA

 

Siam Fate di Lago...

 

Le Stazioni del Ciclo



Leggendo...

IL CONFRONTO

E' il tempo del Confronto, il momento di affrontare le scelte del nostro Cammino...

 

Menu Categorie

 

Cerca


 

Ynis Afallach Tuath

LUGH
Venerdì, 22 Febbraio 2008 - 17:44 - 2731 Letture
Divinità Analisi della figura e del mito.


Lugh è una divinità celtica di primaria importanza,
lo stesso Cesare lo descrive come ‘un gradino sopra gl’altri dei’.



Egli inoltre lo paragona per funzione al Mercurio/Hermes greco romano,
ma in realtà cio’ è riduttivo poiché Lugh è sì protettore degli artigiani e del commercio,
ma è anche molto di più.
Egli è Re, druido e guerriero oltre che artigiano.
La sua figura ed il relativo mito vengono ampiamente descritti
nel tradizionale testo irlandese:
“La battaglia di Mag Tured”.
In esso si racconta che Lugh è nipote di Diancecht
(dio guaritore dei Tuatha de Danaan)
e di Balor (il gigante dei Fomori simboleggiante il caos primordiale),
e tale parentela mette ben in evidenza la sua duplice natura :
Lugh pur essendo una divinità chiaramente legata alla luce
(come indica la radice stessa del nome che significa ‘il luminoso’, ‘il risplendente’)
contiene in sé il seme dell’oscurità primordiale da cui la luce emerge.
Egli padroneggia la vivificante ma selvaggia forza del caos
elevandola ad un livello profondamente spirituale.
E’ chiaramente una divinità solare, tanto che molti templi a lui dedicati
diverranno poi in era cristiana santuari di San Michele, arcangelo della luce.
Lugh preside molteplici attività,
praticamente tutte quelle delle tre classi sociali celtiche
(regale-sacerdotale, guerriera e artigiana),e gli vengono attribuiti vari soprannomi.
Ne ‘la battaglia di Mag Tured’,si presenta come Samildanach ‘il multiforme artigiano’,
ma viene anche chiamato Lahmfada ‘dalla lunga mano-braccio’
o ‘luminoso dall’abile mano’.
L’attributo principale di Lugh è infatti la lancia,
ovvero uno dei quattro Sacri Oggetti dei Tuatha de Danaan,
attributo questo chiaramente solare, essendo la lancia,
così come il lungo braccio, un chiaro riferimento ai raggi solari.

Animale totemico legato a questo dio è il Corvo, molto comune a dire il vero fra le divinità celtiche,
poiché il corvo veniva ritenuto sacro e messaggero divino.
La leggenda vuole che la città di Lione, anticamente Lugudunum
(‘accampamento di Lugh’, uno dei principali luoghi d culto di tale divinità),
sia stata fondata proprio nel luogo indicato da uno stormo di corvi che ivi si posò.
Altro aspetto di Lugh consiste nell’essere una divinità agricola,
con un ruolo di preminente importanza nelle festività del raccolto
celebrate fin dal neolitico. Il primo agosto i celti festeggiavano
Lughnasadh, cioè la ‘commemorazione di Lugh’:
un importante festival agricolo in onore della raccolta dei cereali,
momento questo con notevolissime implicazioni simboliche.

Misteri iniziatici come quelli di Eleusi ad esempio, che avevano proprio il chicco di grano
come simbolo di morte e rinascita al centro,venivano probabilmente celebrati fin dal neolitico,
anche se altrettanto probabilmente erano presieduti
da divinità femminili quali la ‘dea uccello’,
di cui sono state rinvenute numerosissime raffigurazioni,
o le più celebri Demetra e Persefone.
Il chicco di grano dell’ultima spiga del raccolto
rappresenta simbolicamente lo spirito della divinità del grano
che si sacrifica e che giacerà nel freddo grembo della Madre Terra
per tutto l’inverno, in modo da assicurare così un nuovo raccolto.

Divinità agricole sacrificali di questo tipo sono resenti in moltissime culture:
Tammuz, Adone, Lugh, la stessa comunione cristiana
, con un pezzo di pane a rappresentazione del corpo del Dio,
il quale si è sacrificato per il suo Popolo, e che è risorto
e che nacque a Bethlem (casa del pane)
nei pressi si un antico sito dedicato a Tammuz,
dimostrano quanto intimamente questi archetipi facciano parte
del nostro inconscio collettivo (per porla sul piano junghiano).

Inoltre, durante Lughnasadh, venivano celebrati i matrimoni,
forse proprio in ricordo del matrimonio contratto da Lugh con la dea Erin
nel giorno della sua acclamazione a capo dei Tuatha de Danaan.


-Caillean-
LUGH | Login/crea un profilo | 1 Commento
I commenti sono di proprietà dei legittimi autori, che ne sono anche responsabili.
Re: LUGH (Punti: 1)
da Selendir 16 Lug 2008 - 10:35
(Info utente | Invia il messaggio)
Stupendo articolo, io adoro Lugh. Mi piace pensare che il nome di mio figlio (Luca) tragga origine proprio dal nome questo splendente dio.






Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato
sotto una Licenza Creative Commons.

© Ynis Afallach Tuath, 2014/2015
Sito internet con aggiornamenti aperiodici, non rientrante nella categoria Prodotto Editoriale.
Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza il permesso degli autori e senza citare la fonte.
Tutti i lavori pubblicati sono protetti dalla legge n. 633 e s.m.i. in tutela dei diritti d'autore.
Tutti i loghi e marchi in questo sito sono di proprietà dei rispettivi proprietari. I commenti sono di proprietà dei rispettivi autori.
Questo sito è stato creato con MaxDev, un sistema di gestione di portali scritto in PHP.
MD-Pro è un software libero rilasciato sotto la licenza GNU/GPL Visualizzate le nostre news usando il file backend.php
Il tema grafico è stato creato da Isobel Argante. Webmaster Nemea del Lago.

Powered by MD-Pro